d22e190c1dd22e190c1dd22e190c1dd22e190c1dd22e190c1dd22e190c1d

Pesticida è un nome generico per composti fitoregolatori come insetticidi, nematocidi, molluschicidi, rodenticidi, fungicidi ed erbicidi, con ogni composto che ha la sua funzione specifica in agricoltura.

A causa della natura di questi composti e dei loro effetti collaterali su piante e animali, molti sono stati limitati dall’uso pubblico. Ad esempio, nel secolo scorso un particolare composto, l’organocloro, usato per controllare la malaria, è stato bandito in molti paesi avanzati.

Negli anni ’60, arrivò sul mercato una nuova generazione di composti noti come “insetticidi sintetici organofosfati”. Un decennio dopo (anni ’70) fu introdotto sul mercato un altro tipo di insetticida sintetico noto come carbammati. Ancora un altro decennio dopo, emersero erbicidi e pesticidi.

Questi nuovi composti (erbicidi e pesticidi) hanno ampiamente contribuito a ridurre gli effetti dei parassiti, una sfida significativa nell’agricoltura commerciale. I composti hanno anche comportato un aumento della produzione generalmente nei prodotti agricoli.

Sfortunatamente, i composti sono stati modificati e ritrattati fino a raggiungere rigorosamente il loro obiettivo originale, estremamente tossici per i parassiti ma innocui per i prodotti agricoli specifici e per l’uomo. Tuttavia, è possibile che queste piante non abbiano potenziali effetti collaterali sulle piante, sull’uomo e sull’ambiente in generale?

Domanda mondiale, produzione e utilizzo di pesticidi per il controllo dei parassiti commerciali in agricoltura

Il mercato dei pesticidi è in continua crescita a un ritmo costante. Alcuni dati appena pubblicati sul mercato dei pesticidi hanno mostrato che la domanda di pesticidi è stata di circa 3,8 milioni di tonnellate nel 2021.

I ricercatori hanno anche previsto che le vendite di pesticidi in tutto il mondo sperimenteranno un tasso di crescita dal 5% al ​​6% entro la fine del 2031.

Nel 2020, i biopesticidi, che costituiscono il 7% del mercato totale dei pesticidi, dovrebbero crescere di oltre il 10% in dieci anni (dal 2021 al 2031). Nel 2020, di tutti gli agrofarmaci prodotti per scopi agricoli, i pesticidi hanno contribuito per circa il 60% in totale.

Il mercato dei pesticidi convenzionali, erbicidi, fungicidi e altri prodotti chimici per l’agricoltura, ha rastrellato un totale di 103,5 dollari USA nel 2020, il 3,5% in meno rispetto a quanto generato nel 2019. La diffusione della pandemia della corona è il principale responsabile di questo. Nonostante ciò, il mercato dovrebbe continuare ad espandersi.

Si prevede che un’ampia adozione e implementazione dei moderni metodi agricoli, comprese le attuali politiche agricole del governo, aumenterà ulteriormente la domanda mondiale di pesticidi. La domanda globale di pesticidi iniziò a crescere a metà degli anni ’90 e nel 1997 il mercato dei pesticidi era valutato ben oltre i 500 milioni di dollari.

I pesticidi vengono utilizzati per eliminare le erbacce che inibiscono la crescita degli alberi, causando la deforestazione. I pesticidi sono utilizzati anche nel settore della sanità pubblica per controllare la diffusione delle malattie. Ad esempio, la malaria, una malattia diffusa dalla zanzara anofele femmina responsabile della morte di circa 2 milioni di persone all’anno, è gestita da pesticidi o insetticidi.

Sebbene i pesticidi non influenzino direttamente la malattia, le sostanze chimiche colpiscono direttamente gli insetti che diffondono queste malattie. Finora, la più alta applicazione di pesticidi è stata nella sfera domestica. La produzione di grano, che era di 50 milioni di tonnellate nel 1949, era aumentata fino a quasi 200 milioni di tonnellate nel 1996, con pesticidi e altri metodi agricoli principalmente responsabili di questo sviluppo.

Beneficio agricolo dei pesticidi

I pesticidi uccidono le erbacce che competono con le colture per lo spazio nel suolo. Inoltre, i pesticidi uccidono i parassiti che mangiano le piante e infestano le colture con malattie. Il boom agricolo degli Stati Uniti nel XII secolo è direttamente attribuito al controllo della produzione agricola mediante l’uso di pesticidi.

L’aumento del tasso di deforestazione dovuto all’industrializzazione contribuisce direttamente alla diminuzione delle aree coltivabili a seminativo. Ciò significa che è fondamentale migliorare la resa delle colture e un modo per farlo è utilizzare pesticidi e altre sostanze chimiche che migliorano le colture.

Senza disinfestazione commerciale, il settore agricolo mondiale subirà notevoli perdite economiche. I parassiti possono potenzialmente causare molti danni alle colture in un breve periodo. I parassiti si moltiplicano a una velocità incredibile e possono causare danni significativi all’agricoltura commerciale.

Nel 1996 è stato condotto un esperimento per determinare il tasso di contaminazione da pesticidi dei prodotti alimentari. Il programma era intitolato ‘Monitoraggio dei residui di pesticidi nei prodotti di origine vegetale nell’Unione europea.

Nell’esperimento, sono stati studiati pomodori, mele, lattuga, fragole e uva (che rappresentano) i prodotti agricoli poiché gruppi di pesticidi (tra cui clorotalonil e iprodione) presenti nella maggior parte delle fattorie infestavano le verdure.

Questi studi hanno concluso che circa il 35% dei prodotti agricoli nel mondo viene perso a causa dei parassiti, direttamente o indirettamente. Queste informazioni indicano che i parassiti non solo influiscono sul raccolto e sulla produttività, ma riducono anche il potenziale reddito agricolo del 35%, riducendo la fornitura di cibo in una comunità o in una nazione nel suo insieme.

Pesticidi vs Insetticidi

Pesticidi e insetticidi sono spesso fraintesi quando si tratta di controllo dei parassiti. I pesticidi si riferiscono a prodotti chimici per il controllo dei parassiti. Al contrario, gli insetticidi si riferiscono specificamente a un composto usato per allontanare insetti come scarafaggi, vespe, formiche, zanzare, mosche e afidi. Gli insetticidi possono essere classificati come pesticidi e non viceversa.

Animali domestici possono generalmente significare qualsiasi cosa che danneggi piante come insetti, funghi ed erbacce e mammiferi come roditori e topi. Il suffisso “cide” è una parola latina equivalente a uccidere. Ma in realtà, non tutti i pesticidi uccidono gli animali domestici. Invece, alcuni indicano zone di pericolo per i parassiti, altri mutilano e altri uccidono.

Gli insetticidi sono composti chimici utilizzati per allontanare gli insetti dalle piante o da un’area selezionata. Gli insetticidi vengono applicati direttamente alle piante o allo spazio. Gli insetticidi vengono spruzzati direttamente sulle piante per ridurre l’affollamento degli insetti nelle fattorie. Tuttavia, gli insetticidi possono assumere altre forme chimiche. Ad esempio, un insetticida potrebbe trovarsi in un vapore, polvere, gel o liquido.

Nella silvicoltura, gli insetticidi sono usati per la conservazione del legno. Gli insetticidi vengono iniettati nel legno degli alberi per prevenire i danni delle termiti. La termite e le api banchettano con la linfa contenuta nel legno. L’iniezione del legno è un tipo di trattamento a pressione perché l’insetticida iniettato nel legno è sigillato ad alta pressione.

Gli insetticidi possono essere classificati in base alle loro funzioni. Ad esempio, gli ovicidi sono usati per il controllo degli scarafaggi commerciali. Gli ovicidi impediscono agli insetti di riprodursi, mentre i feromoni sono usati per interrompere i cicli di accoppiamento negli insetti.

Se hai bisogno di soluzioni commerciali per il controllo dei parassiti, all’interno e nei dintorni dell’Oregon, Sprague Pest Solutions Medford ti offre soluzioni comprovate basate sulla scienza che non solo elimineranno i parassiti dal tuo spazio, ma impediranno anche loro di tornare.

d22e190c1d